We are open everyday from 9 a.m. till 7 p.m.

Il Boschetto di Pan

Riferimenti Normativi

RIFERIMENTI NORMATIVI
LA LEGGE 4/2013
Disciplina in materia di professioni non organizzate in Ordini e Collegi

E’ la Legge che disciplina le professioni senza albo, dettando le condizioni affinché i nuovi professionisti possano garantire il proprio livello qualitativo sul mercato, secondo regole note e condivise.
In tal modo essa offre maggiore tutela ai consumatori, che potranno avere maggiori garanzie sulle competenze del professionista.

La Legge 4/2013 infatti

  • demanda ad Associazioni private il compito di controllare la formazione e l’aggiornamento dei professionisti , richiedendo trasparenza circa la preparazione degli operatori e ponendo l’accento sulla tutela dell’utenza

  • demanda al MISE (MInistero per lo Sviluppo Economico) il compito d’informare sull’uscita di Norme Tecniche UNI e prevede l’accreditamento di Associazioni private per le varie categorie che rispondano ai requisiti dettati dalle Norme

  • prevede la certificazione delle competenze, ad opera di certificatori di terza parte accreditati ad Accredia, l’organismo italiano unico che certifica i certificatori, nei termini del quadro europeo EQF (European Qualification Framework), adottato in Italia con il Decreto 13/2013.

Alle Associazioni di categoria è riconosciuta la funzione di:

  • valorizzare le competenze degli associati
  • garantire il rispetto delle regole deontologiche
  • agevolare la scelta e la tutela dell’utenza nel rispetto delle regole sulla concorrenza

Per garantire i requisiti professionali degli iscritti nei confronti dei terzi le Associazioni dovranno assicurare

correttezza, trasparenza e veridicità e quindi :

  • pubblicare sul sito elementi informativi utili per il consumatore al fine di comprendere l’organizzazione dell’Associazione (es. elenco degli iscritti)
  • aprire uno sportello per il cittadino/utente e conoscenza delle norme sulle procedure di reclamo
  • rilasciare un’attestazione in base a standard qualitativi del singolo iscritto dalla quale emergano chiaramente le qualità del servizio professionale erogato e la data di scadenza
  • possedere la Certificazione di parte terza

Le Associazioni Professionali promuovono, anche attraverso specifiche iniziative, la formazione permanente dei propri iscritti, adottano un codice di condotta ai sensi dell’art. 27-bis del codice del consumo, di cui al decreto legislativo 6 settembre 2005, n. 206, vigilano sulla condotta professionale degli associati e stabiliscono le sanzioni disciplinari da irrogare agli associati per le violazioni del medesimo codice.

La Legge 4/2013 indica come unico OBBLIGO del professionista senza Ordine o Collegio professionale quello di contraddistinguere la propria attività in ogni documento e rapporto scritto con il cliente nei biglietti da visita, nei siti web della propria attività professionale, sulle brochure, nei dépliant, sul consenso informato, ecc. con la dicitura Professionista disciplinato ai sensi della Legge n° 4/2013.

Ai professionisti senza Ordine e Collegio, anche se iscritti alle associazioni di cui al presente articolo, non è consentito l’esercizio delle attività professionali riservate dalla legge a specifiche categorie di soggetti, salvo il caso in cui dimostrino il possesso dei requisiti previsti dalla legge e l’iscrizione al relativo albo professionale.

Sono previsti tre diversi tipi di Attestazione:

  • Attestazione di prima parte: è il diploma (per esempio diploma di Artiterapeuta rilasciato dall’Ente formativo alla fine del percorso triennale)
  • Attestazione di seconda parte: è l’attestato di qualità rilasciato dall’Associazione di categoria; SIAF Italia rilascia l’attestato d’iscrizione all’associazione con numero di registro, altre informazioni del professionista e numero di scadenza dell’attestato di qualità (validità).
  • Certificazione di terza parte: è la certificazione rilasciata da un ente terzo (che non sia una scuola di formazione o un’associazione di categoria), abilitato a conferire, a seguito di un esame, il bollino di conformità e/o di qualità professionale